martedì 12 novembre 2013

Recensione: Sai tenere un segreto? di Sophie Kinsella

Cari Bloggalettori,
cosa fate di bello oggi? Io sono in gran forma ;) e finalmente mi sono decisa a scrivere questa recensione. Come al solito i libri di Sophie Kinsella li leggo in un soffio ma poi vengo colta dalla pigrizia quando si tratta di scriverne la recensione. E' un pò come quando si mangia la cioccolata, si mangia perchè è buona ma sembra superfluo dirlo. Con la Kinsella è lo stesso, i suoi libri sono sempre ironici, coinvolgenti e ben dosati, narrativamente parlando, che sembra superfluo ribadirlo. Ma visto che fra i tanti che ho letto di lei, questo è forse tra i più belli, al pari di "ho il tuo numero" nella mia classifica personale, ho pensato che in fondo non era poi così scontato parlarne sul blog.







Titolo: sai tenere un segreto?
Autore: Sophie Kinsella
Editore: Mondadori
Prezzo: 6,99 euro
Versione letta: ebook

Trama:

Emma Corrigan è una ragazza come tante altre. Conduce una vita senza grandi scosse, lavora come assistente marketing in un'importante multinazionale, ha un boyfriend simpatico, ma in fondo, come tutte, sogna una vita diversa... Emma ha un terrore folle dell'aereo e quando, nel suo primo viaggio di lavoro, si trova ad affrontare un volo molto turbolento, non riesce assolutamente a stare calma, il panico si impadronisce di lei, ha paura di morire. E così, in preda a un incontrollabile nervosismo, racconta tutto di sé al vicino di posto. Un americano che ascolta divertito tutti i suoi segreti più intimi, fino a destinazione. Emma, naturalmente, sopravvive e il mattino seguente si reca in ufficio, pronta ad accogliere come tutti gli altri colleghi il famoso fondatore della società per la quale lavora, in visita alla filiale inglese. Quando lui finalmente fa la sua apparizione, riverito da tutti, Emma lo guarda e si accorge con orrore che lui è... l'uomo dell'aereo. E lei gli ha confidato tutto di sé. Con questa dirompente commedia romantica, l'autrice affronta il tema delle relazioni umane e sentimentali. Quanto siamo tenuti a dire di noi a chi amiamo? Cosa può comportare aprirsi a degli estranei? Sophie Kinsella ci regala una commedia sofisticata e brillante con una nuova irresistibile protagonista che ci farà, ancora una volta, ridere e commuovere con lei. 

Il mio pensiero:

E' uno di quei libri che fin dalla prima pagina riescono a far sorridere il lettore. La lista dei segreti e segretucci con cui l'autrice decide di presentarci Emma Corrigan è fantastica, in due pagine rende perfettamente il quadro di forza e debolezza del personaggio e è difficile non immedesimarsi in questa ragazza. Emma Corrigan è alle prese con un nuovo lavoro in cui cerca di far carriera, ma come tutti i nuovi arrivati deve imparare terminologie sconosciute e che non le entrano in testa, e istaurare rapporti con i colleghi, rapporti che risultano complicati. E visto che non è l'incarnazione della sicurezza, per ovviare al suo disagio, mente. Dice piccole e innocenti bugie per essere accettata nell'ambiente di lavoro e ritaglirsi il proprio spazio. Così quando viene inviata da un cliente per la prima volta a chiudere un contratto, la sua insicurezza si mette in mezzo e Emma fallisce. Nel rientro a Londra in aereo, forti turbolenze si trasformano, nella sua mente, negli ultimi istanti di vita. Emma decide che non può morire con tutti quei segreti sulla coscienza e così li spiffera tutti, ma proprio tutti. I suoi segretucci e relative bugie diventano un bagaglio prezioso che affida al suo "sconosciuto" vicino di volo. Peccato che questo sconosciuto, il giorno dopo, si rivelerà essere il capo della sua multinazionale in visita alla filiale dove lavora. Cosa c'è di peggio per una neoassunta che rendersi conto di aver detto tutto di sè a colui che può licenziarla seduta stante? Da inserire nel conto c'è poi il fatto che molti dei segretucci confessati hanno a che fare con i colleghi. 
Kinsella riesce a regalare al lettore tante risate e momenti da batticuore come nella migliore tradizione della commedia inglese. 
Devo dirvi che il gran capo rimane affascinato dalla povera Emma o volete iniziare a leggere il libro?
Ho letto vari titoli di Kinsella e questo, pubblicato da anni ma su cui non avevo posto l'attenzione, è entrato al secondo posto della mia classifica personale. E' una di quelle storie leggere e divertenti da leggere quando si attraversa un periodo no o di tensione per addormentarsi la sera con il sorriso sulle labbra.
Chi di voi lo ha già letto?
Cosa ne pensate?